PROVE

Martedì - dalle 21.00

Giovedì - dalle 21.00

 

presso l'Oratorio San Filippo Neri

Piazza Parrocchiale 14 Angera (Va)

 

CORPO MUSICALE ANGERESE "S. CECILIA"

 

Oratorio San Filippo Neri

Piazza Parrocchiale 14

Angera (Va)

 

© 2015 by NonSoloPromotion

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Pinterest Social Icon
  • Instagram Social Icon
Gli idiofoni a suono determinato

Gli strumenti idiofoni a suono determinato sono strumenti il cui corpo è in grado di produrre suoni ben definiti e precisamente identificabili, come nel caso delle campane tubolari, del glockenspiel, della celesta o dello xilofono.

Le campane tubolari sono costituite da lunghe barre metalliche cave, solitamente in ottone o altro metallo, appesi verticalmente a un telaio. Sono normalmente suonate colpendole con un martello speciale, a testa di cuoio grezzo o di plastica.

Il glockenspiel è uno strumento costituito da due file di lamelle metalliche ordinate orizzontalmente come una tastiera di pianoforte. Lo strumento è suonato mediante due o raramente più bacchette utilizzate per battere le lamelle metalliche producendo un suono molto chiaro simile a delle campanelle.

La celesta è uno strumento musicale dall’aspetto simile a quello di un piccolo pianoforte. Il suo suono, ovattato e dolce, viene prodotto da alcune lamelle di metallo sospese tramite un sistema di martelletti e comandate da una tastiera e da una pedaliera.

Lo xilofono è uno strumento musicale costituito da due file di barrette di legno disposte come la tastiera di un pianoforte. Al di sotto delle barrette, in corrispondenza di ciascuna di esse, vi sono dei tubi aperti che fungono da risuonatori, amplificando il suono dello strumento. L‘altezza del suono prodotto dipende dalla lunghezza delle barrette: più sono lunghe e più il loro suono è grave e viceversa.

Gli idiofoni a suono indeterminato

Gli strumenti idiofoni a suono indeterminato sono strumenti il cui corpo è produce suoni la cui altezza sonora non è precisamente identificabile. Un esempio sono, i «piatti», il "gong" il «triangolo», le «nacchere» e le «maracas».

I piatti sono strumenti musicali costituiti da una lamina concava di metallo fissata al foro centrale, libera di vibrare alle estremità quando percossa. A seconda dei modelli, e dall’effetto sonoro che si vuole ottenere, i piatti possono essere suonati mediante bacchette, oppure, nel caso dei «piatti orchestrali», fatti sfregare, strisciare o oscillare tra loro. A seconda della forma, del diametro e dello spessore con cui sono costruiti, possiamo distinguere diversi tipi di piatti. I più comuni sono l’«hit-hat», il «crash», il «ride», lo «splash» e il «china»..

Il gong è uno strumento musicale a percussione principalmente costruito in metallo, costituito da un grosso piatto sospeso mediante due funi e suonata mediante un’apposita mazza

Le nacchere sono strumenti a percussione tipici della tradizione spagnola. Costituite da due pezzi di legno a forma di conchiglia uniti da un cordino. Dopo esser state fissate al pollice, vengono fatte battere l'una contro l'altra tramite un movimento di apertura e chiusura della mano.

Il  triangolo è costituito da una barretta di acciaio ripiegata a forma di triangolo. Uno degli angoli rimane aperto, con le estremità della barretta che non si toccano, caratteristica che non permette una precisa definizione del tono dello strumento. Al fine di non disturbare le vibrazioni prodotte dallo strumento, esso viene sospeso da uno degli angoli con un pezzo di gomma o un filo sottile di nylon e percosso con una piccola bacchetta di metallo.

Le maracas sono strumenti a percussione nati in Sudamerica, originariamente costituiti da una zucca cava riempita di sassolini o semi secchi. Utilizzati solitamente in coppia, il suono viene prodotto scuotendo lo strumento, in modo da far urtare i grani tra loro e contro la parete interna. Oggi lo strumento ha la forma di due grosse uova ed è costruito anche in legno, pelle o plastica, con un‘impugnatura per la presa dell'esecutore.